ActionCam alternative alla GoPro

Chi l’ha detto che la GoPro sia la sola ActionCam a cui ci si può affidare per la realizzazione di video e la registrazione di filmati? Sono molte le alternative che il mercato mette a disposizione, con una grande varietà di soluzioni in grado di soddisfare le esigenze più diverse: d’altro canto quello delle action camera appare come un settore caratterizzato da una crescita notevole. Ecco, allora, i prodotti che possono sostituire la GoPro pur garantendo le stesse prestazioni e la stessa efficacia.



La rassegna non può che iniziare con la Virb Elite di Garmin, il cui punto di forza è costituito dalla possibilità di registrare i dati GPS. Dal punto di vista estetico, appare chiaro come il design di questo prodotto sia piuttosto differente dalle linee e dalle forme a cui le GoPro hanno abituato: per cominciare a registrare i video e per concludere le riprese è sufficiente toccare lo slide posizionato sul lato. Vale la pena di notare, in ogni caso, che questa ActionCam, con un’app disponibile sia per iOS che per Android, è compatibile con gli accessori delle GoPro se si utilizza un adattatore apposito.

Un altro ottimo surrogato può essere individuato nella Ghost-s di Drift. In questo caso gli ideatori e gli sviluppatori hanno preferito concentrarsi più sulla funzionalità e sulla praticità che non sul lato estetico, ma al di là del discutibile design ciò che conta è la capacità, da parte di questa ActionCam, di soddisfare le necessità di chi la usa. Non si possono realizzare video in 4K e non c’è il GPS – è vero – ma la resistenza e la solidità di questo dispositivo sono sinonimo di longevità e di capacità di durare nel tempo. La disponibilità della connettività wi-fi rende più veloce e più semplice lo scambio di dati, mentre la usability è migliorata da uno schermo di piccole dimensioni.

Anche Sony è presente nel settore delle ActionCam: chi non ha voglia di puntare su una GoPro può, quindi, optare per una Az1 VR di Sony, che a differenza del prodotto di Drift non è dotata di schermo. Nella confezione, in ogni caso, è presente un display da polso, tramite il quale si ha l’opportunità di tenere sotto controllo ogni dettaglio della registrazione nel momento in cui la si effettua. Così la visuale può essere monitorata e gestita con la massima semplicità e non si è costretti a interagire direttamente con la camera: un bel vantaggio, soprattutto nei casi in cui il dispositivo sia situato in una posizione a cui si può accedere difficilmente mentre ci si muove, come per esempio sul casco.

Infine, l’ultima soluzione che vale la pena di prendere in considerazione se si è in cerca di una alternativa rispetto alla GoPro nel campo delle ActionCam è la iON Air Pro 3, che ha un design paragonabile a quello di un monocolo, con i controlli situati sul lato: una delle sue caratteristiche peculiari è il sistema di led e vibrazioni che entra in azione nel momento in cui è in corso la registrazione, utile per gli utenti un po’ distratti.