Come acquistare la migliore tastiera da gaming

Tra i tanti accessori a cui si può ricorrere per rendere più piacevoli le proprie esperienze con i videogiochi ci sono anche le tastiere. A questo proposito, però, è bene sapere che non tutti i prodotti che il mercato mette a disposizione sono uguali: è possibile riscontrare delle differenze anche marcate sia in funzione dei marchi e delle aziende produttrici che della tipologia di device con cui si ha a che fare. Nello specifico, è bene distinguere le tastiere di tipo meccanico da quelle a membrana: le prime sono raccomandate dagli esperti e dai giocatori, dal momento che garantiscono una precisione molto più elevata.



Ma perché nella scelta della migliore tastiera gaming è preferibile optare per una tastiera meccanica? Per capirlo è necessario approfondire in maniera più dettagliata il suo funzionamento e metterlo a confronto con quello di una tastiera a membrana. Con una tastiera meccanica, nel momento in cui viene schiacciato un pulsante si va ad attivare un sensore a pressione che è collocato proprio sotto il tasto; con una tastiera a membrana, invece, nel momento in cui viene schiacciato un pulsante si va a premere semplicemente contro una membrana di gomma, la quale a sua volta spinge un contatto situato su una scheda stampata (tale scheda va a toccare, infine, il sensore della tastiera). Come si può già intuire da questa spiegazione, in un caso si ha a che fare con un meccanismo semplice e lineare; nell’altro caso si ha a che fare con un procedimento decisamente più elaborato, complesso e rischioso.

La distinzione tra le tastiere meccaniche e quelle a membrana, in ogni caso, non è il solo aspetto di cui si debba tener conto nel momento in cui ci si approccia all’acquisto di una tastiera da gaming: tra gli altri fattori da valutare ci sono, ovviamente, il prezzo e l’estetica, ma anche il genere di giochi con cui la tastiera dovrà essere utilizzata. In tal senso è bene sapere che non tutte le tastiere da gioco presentano lo stesso numero e la stessa tipologia di pulsanti: essi possono essere di più o di meno in base alle caratteristiche del prodotto.

Ancora, ci si può trovare nella condizione di dover scegliere tra una tastiera wireless, cioè senza fili, e una tastiera cablata: la seconda tipologia è quella più diffusa, anche perché l’input lag via cavo è alquanto ridotto. I gradienti di angolazione, le dimensioni e la disponibilità di caratteristiche extra sono, infine, gli ultimi tre elementi che possono orientare una decisione.

Se i gradienti di angolazione hanno effetti diretti e conseguenze specifiche sulla comodità e sulla facilità di uso di una tastiera, a pensare alle dimensioni devono essere soprattutto coloro che hanno esigenze particolari dal punto di vista della trasportabilità: è chiaro che un oggetto – e quindi anche una tastiera – è tanto più semplice da trasportare quanto più è piccolo. Le caratteristiche extra, infine, sono dedicate ai giocatori più esperti che non si accontentano di un’esperienza videoludica standard ma hanno intenzione di spingere un po’ più in là i propri limiti e le proprie aspettative.